É Vincenzo Follino (Bonavena) il birraio emergente del 2019

E’ di Vincenzo Follino il premio come miglior birraio emergente d’Italia del 2019.
Questo è quello che ha sancito la giuria di esperti del settore (publican, birrai, giornalisti, degustatori) chiamata a votare e ad eleggere i migliori birrai d’Italia, premiazione che si svolge dal 2009 e organizzata da Fermento Birra.

Domenica pomeriggio a Firenze, al Tuscany Hall, si è giunti quindi al momento della premiazione finale dove sono state svelate le classifiche finali di questa edizione del Birraio d’Italia.
Nella categoria dei birrai emergenti a vincere è stato il birraio campano, che negli ambienti birrari è anche conosciuto con lo pseudonimo di Thiell.

Foto by Fermento Birra

Vincenzo Follino è il birraio del birrificio Bonavena da fine 2017, anno di fondazione del birrificio di Faicchio (provincia di Benevento), che sta facendo parlare da diverso tempo tutta l’Italia birraria attraverso le sue birre.
Vincenzo succede a Luca Tassinati del birrificio Altotevere, vincitore del birraio emergente 2018.

A completare il podio come birraio emergente del 2019 ci sono Andrea Filippini del birrificio Siemàn, Davide Galliussi del birrificio WAR, Angelo Ruggiero del birrificio Lieviteria, Mauro Bertoletti del birrificio Mister B.

Quella di Vincenzo Follino è una vittoria che a tanti è sembrata più che meritata, per il lavoro svolto in questo anno e mezzo di attività con il birrificio Bonavena, per il suo lavoro meticoloso sulla qualità delle proprie produzioni che spaziano dagli stili americani a quelli belga fino a quelli tedeschi, ma anche per la tecnica “scientifica” nella ricerca e produzione delle proprie piccole “figlie” fatte di acqua, lieviti e luppoli

Una vittoria questa molto importante  anche per tutto il movimento campano della birra, uno stimolo ulteriore ad affacciarsi con forza e competitività al mondo della birra italiano e non solo. É la dimostrazione che con le capacità e la determinazione i risultati alla fine arrivano.

Ed ora? La sfida più difficile, ovvero la sfida con il mondo dei “grandi”, poiché dall’anno prossimo Vincenzo Follino, così come gli altri birrai emergenti saranno eleggibili solo e soltanto nella categoria dei big. Vedremo cosa succederà ma personalmente credo che potremo vedere ancora grandi cose. I miei complimenti vanno ovviamente a tutti e 5 i birrai che compongono la top 5 dei birrai emergenti, che con questo risultato hanno dimostrato il grande lavoro che stanno svolgendo.

E a proposito di Big, sono Matteo Pomposini e Cecilia Sciciani del birrificio MC-77 i birrai dell’anno 2019, proprio loro che nel 2015 erano state eletti birrai emergenti dell’anno. Un grande successo per i due ragazzi marchigiani che hanno saputo conquistare un grande e meritato premio.


Queste le classifiche finali

Classifica Birraio dell’Anno 2019

1° Matteo Pomposini e Cecilia Scisciani del birrificio MC77 di Serrapetrona (MC)
2° Giovanni Faenza del birrificio Ritual Lab di Formello (RM)
3° Marco Raffaeli del birrificio Mukkeller di Porto Sant’Elpidio (FM)
4° Conor Gallagher Deeks del birrificio Hilltop di Bassano Romano (VT)
5° Marco Sabatti del birrificio Porta Bruciata di Rodengo Saiano (BS)
6° Samuele Cesaroni della Brasseria della Fonte di Pienza (SI)
7° Emanuele Longo del Birrificio Lariano di Dolzago (LC)
8° Josif Vezzoli del birrificio Birra Elvo di Graglia (BI)
9° Luigi D’Amelio del birrificio Extraomnes di Marnate (VA)
10° Luciano Landolfi del birrificio Eastside di Latina
11° Gino Perissutti del birrificio Foglie d’Erba di Forni di Sopra (UD)
12° Agostino Arioli del Birrificio Italiano di Limido Comasco (CO)
13° Alessio Selvaggio del birrificio Croce di Malto di Trecate (NO)
14° Fabio Brocca del Birrificio Lambrate di Milano
15° Luigi Recchiuti del birrificio Opperbacco di Notaresco (TE)
16° Mauro Salaorni del birrificio Birra Mastino di San Martino Buon Albergo (VR)
17° Marco Ruffa del birrificio CR/AK di Campodarsego (PD)
18° Alessio Gatti del birrificio Canediguerra di Alessandria
19° Luana Meola e Luca Maestrini del birrificio Birra Perugia di Perugia
20° Giorgio Masio del birrificio Altavia di Sassello (SV)

Classifica Birraio Emergente 2019

1° Vincenzo Follino del birrificio Bonavena Brewing di Faicchio (BN)
2° Andrea Filippini del birrificio Siemàn di Villaga (VI)
3° Davide Galliussi del birrificio War di Cassina De’ Pecchi (MI)
4° Angelo Ruggiero del birrificio Lieviteria di Castellana Grotte (BA)
5° Mauro Bertoletti del birrificio Mister B di San Giorgio Bigarello (MN)

E per chi è arrivato a leggere fino alla fine, un piccolo regalo!

About the Author

Simone A.G.
Appassionato della birra artigianale in tutti i suoi aspetti. Creatore del network di informazione Alta Gradazione (comprendente Alta Gradazione Torrese). Appassionato di marketing e laureando in Economia Aziendale e Management Le mie birre preferite? Quelle anglosassoni, ma sicuramente dopo le birre acide in tutte le loro sfaccettature.

Be the first to comment on "É Vincenzo Follino (Bonavena) il birraio emergente del 2019"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*