Nasce l’Autorità italiana per la certificazione del luppolo

Riprendendo la notizia, rilanciata dall’Associazione Italiana Luppolo possiamo finalmente dire che in Italia a breve sarà nominata una Autorità per la certificazione del luppolo.
Dopo mesi in cui si sono susseguite tavole di concertazione tra realtà associative italiane, esponenti politici, ed enti locali, ultima la due giorni del luppolo di Marano sul Panaro, si è finalmente arrivati alla svolta.

Con il Decreto n. 4281 del 20/07/2015, il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha decretato la nascita di un Ente che si occuperà della certificazione del luppolo italiano.
Designato come Autorità di certificazione competente per il settore luppolo è la già esistente Direzione generale delle politiche internazionali e dell’Unione europea (PIUE), del Dipartimento per il coordinamento delle politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale

E’ soltanto un primo passo, una sorta di formalità dovuta.
Ma dal momento in cui l’Italia era carente anche di questa “formalità” possiamo essere felici di essere giunti a questo primo passo.
Ovviamente sarà lunga la strada che potrà portare ad una varietà di luppolo italiana, ma lo sviluppo del settore birrario in Italia degli ultimi anni fa presagire che sicuramente arriverà quel momento, che speriamo non sia troppo lontano.

Questo il testo integrale del Decreto n. 4281

Decreto n. 4281 del 20/07/2015

VISTO il regolamento (UE) n. 1308/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 recante organizzazione comune dei mercati dei prodotti agricoli e che abroga i regolamenti (CEE) n. 922/72, (CEE) n. 234/79, (CE) n. 1037/2001 e (CE) n. 1234/ 2007 del Consiglio;

VISTO in particolare l’articolo 77 del regolamento (UE) n. 1308/2013, recante la regolazione dell’attività di certificazione del luppolo, nel quale, tra l’altro, è stabilito che i prodotti del settore del luppolo raccolti od ottenuti all’interno dell’Unione sono soggetti ad una procedura di certificazione;

VISTO il regolamento (CE) n. 1850/2006 della Commissione del 14 dicembre 2006, relativo alle modalità di certificazione del luppolo e dei prodotti derivati dal luppolo, così come modificato dal regolamento (UE) n. 173/2011;

VISTO in particolare l’articolo 21 del regolamento (CE) n. 1850/2006, relativo all’Autorità di certificazione competente, nel quale, tra l’altro, si dispone che gli Stati membri designano l’Autorità di certificazione competente;

CONSIDERATO che, ai sensi del citato articolo 77 del regolamento (UE) n. 1308/2013, il luppolo da commercializzare nel territorio dell’Unione europea deve essere certificato;

CONSIDERATO altresì che non è mai stata designata una Autorità di certificazione competente nazionale, ai sensi del citato articolo 21 del regolamento (CE) n. 1850/2006;

RITENUTO quindi necessario designare una Autorità di certificazione competente nazionale ai sensi dell’articolo 21 del regolamento (CE) n. 1850/2006;

VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 27 febbraio 2013, n. 105, recante “Regolamento recante organizzazione del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, a norma dell’art. 2, comma 10-ter, del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135;

VISTO in particolare l’articolo 2, comma 3, lettera a), del citato decreto del Presidente del Consiglio dei ministri n. 105, nel quale si dispone che la Direzione generale delle politiche internazionali e dell’Unione europea (PIUE), del Dipartimento per il coordinamento delle politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale, ha, tra l’altro, competenza in merito alla predisposizione delle disposizioni nazionali e degli altri atti necessari ad assicurare la applicazione della regolamentazione dell’Unione europea in materia di organizzazioni di mercato agricolo e agroalimentare;

RITENUTO pertanto di individuare nella Direzione generale PIUE l’Autorità di certificazione competente, ai sensi dell’articolo 21 del regolamento (CE) n. 1850/2006;

DECRETA

Articolo 1

Definizione
1. La Direzione generale delle politiche internazionali e dell’Unione europea (PIUE), del Dipartimento per il coordinamento delle politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale, è designata Autorità di certificazione competente per il settore del luppolo, ai sensi della normativa europea nelle premesse indicata.
Il Ministro delle politiche agricole
alimentari e forestali

Articolo 2
Entrata in vigore e pubblicazione
1. Il presente decreto entra in vigore dalla data di pubblicazione sul sito ufficiale del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali e sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
2. Gli adempimenti previsti dal presente decreto sono svolti nell’ambito delle risorse già assegnate, senza nuovi o maggiori oneri per il bilancio dello Stato.
Roma

f.to Maurizio Martina

About the Author

Simone A.G.
Appassionato della birra artigianale in tutti i suoi aspetti. Creatore del network di informazione Alta Gradazione (comprendente Alta Gradazione Torrese). Appassionato di marketing e laureando in Economia Aziendale e Management Le mie birre preferite? Quelle anglosassoni, ma sicuramente dopo le birre acide in tutte le loro sfaccettature.

Be the first to comment on "Nasce l’Autorità italiana per la certificazione del luppolo"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*